Avellino, Braglia: “Diventeremo grandi, ma in C è tutto sbagliato”

Scritto da il 2 ottobre 2020

Abbiamo una settimana di lavoro in più ed abbiamo potuto allenarci finalmente con molti elementi. Questo è un dato positivo, ma non possiamo dire se è un fattore determinante. Piuttosto il calendario non mi sta piacendo: le altre giocano e a noi ci rinviano le partite e diventa difficile gestire i turni infrasettimanali, sia a livello fisico che a livello nervoso. Domani alla squadra chiedo di farci capire di che pasta siamo fatti, senza aspettare di essere al top perché serve rimboccarsi le maniche da subito. La Viterbese? E’ una squadra che ha dato dimostrazione di solidità a Terni nonostante l’inferiorità numerica, ha un tecnico navigato ed avrà motivazioni importanti. Bisogna tirar fuori una grande partita se si vuole fare risultato. Ovviamente andiamo a giocarcela”, così Piero Braglia, alla vigilia della trasferta di Viterbo.

Il tecnico dell’Avellino aggiunge: “Per il centrocampo come incontristi siamo a posto, ho chiesto, ho chiesto al Ds un elemento con particolari caratteristiche, rapido. Poi basta. Ma sono convinto che diventeremo una grande squadra, se non lo siamo già. Il caso Trapani? C’è un problema a monte, soprattutto legato a chi controlla. Sia per quanto riguarda la faccenda delle rose, sia per le iscrizioni concesse, è tutto sbagliato”.

Dino Manganiello

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi