Botte e minacce per foto osè, poi i ricatti: un arresto

Scritto da il 15 marzo 2019

Per ‘punire’ la ex moglie della sua nuova relazione ha sequestrato in un appartamento la donna e l’uomo, costringendoli a farsi fotografare in pose compromettenti; le foto sono poi state utilizzate per ricattare l’uomo, assessore di un comune del Beneventano. Sono le accuse che hanno portato agli arresti domiciliari un maresciallo dei vigili urbani di Piedimonte Matese (Caserta) di 59 anni, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Benevento, su richiesta della locale Procura, retta da Aldo Policastro e dal procuratore aggiunto Giovanni Conzo. L’accusa per il maresciallo è di sequestro di persona, violenza privata, estorsione, lesioni personali e maltrattamenti in famiglia ai danni, a vario titolo, della ex moglie e dell’uomo con cui aveva allacciato una relazione.


Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi