Caso Apicella, tre condanne per omicidio volontario

Scritto da il 7 giugno 2021

La Corte di Assise di Napoli ha ritenuto colpevoli di omicidio volontario i tre ladri che la notte del 27 aprile 2020, a Napoli, dopo avere tentato di svaligiare il bancomat di una banca, provocarono la morte dell’agente scelto della Polizia di Stato Pasquale Apicella, 37 anni, il quale con i colleghi era impegnato a bloccare la loro fuga. Si tratta di un 41enne, un 28enne e un 40enne, condannati rispettivamente a 26, 18 e 18 anni di reclusione. I tre per seminare la Polizia usarono la loro Audi come un’arma, scagliandosi a fortissima velocità contro la “pantera” a bordo della quale c’era Apicella, uccidendolo.


Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi