Castel Capuano e la sposa assassina

Scritto da il 24 giugno 2021

Castel Capuano e la sposa assassina

Castel Capuano, dopo Castel dell’Ovo, è il più antico castello di Napoli. Il suo nome si deve alla vicina Porta Capuana, un tempo varco di accesso alla vecchia strada verso Capua. Ci racconta la leggenda ad esso legata Antonello di Martino, direttore di Mani e Vulcani Magazine: 

Costruito nel XII secolo per ordine del figlio di Ruggero il Normanno, Guglielmo il Malo, venne utilizzato subito come residenza reale, anche se il suo aspetto era più simile a quella di una fortezza militare. Nel 1231 difatti, Federico II gli diede un’aspetto più simile ad una reggia  degna di ospitare la famiglia reale. Con la costruzione del Maschio Angioino, destinato a residenza reale, Castel Capuano divenne residenza dei membri della famiglia reale, dei residenti funzionari del regno e personaggi illustri come Francesco Petrarca. Nei secoli subì altre ristrutturazioni sino a diventare, con la venuta di Don Pedro de Toledo a Napoli, sede del palazzo di giustizia, dove riunì tutti i tribunali del regno.

A Napoli però storia e leggenda si intrecciano sempre, e proprio a Castel Capuano è legato la leggenda del “Fantasma degli avvocati”, uno spirito cruento, che ogni 19 aprile si aggira per le stanze del tribunale. Secondo la tradizione popolare il fantasma in questione è quello della giovane e crudele Giuditta Guastamacchia, la sposa fedifraga che proprio nell’aprile del 1800 fu processata e giustiziata dalla Gran Corte della Vicaria, per aver assassinato il giovanissimo marito, fatto scempio del suo cadavere, con la complicità del suo amante, che era un prete, e di suo padre. 

La storia di Giuditta inizia quando giovanissima, con un bimbo piccolo da crescere, si ritrova sola e molto povera dopo la morte del marito. Il marito venne giustiziato per aver frodato il regno di Napoli. Il padre di Giuditta, nell’impossibilità di mantenere la figlia e il nipote, decise di chiuderla nel Convento di Sant’Antonio alla Vicaria, dal quale uscì solo nel 1794. E proprio in convento Giuditta intrecciò una relazione amorosa con un sacerdote, don Stefano D’Aniello, che per allontanare i sospetti si spaccerà come lo zio di Giuditta.

E proprio per salvare le apparenze, lo “Zio” prete decise di far venire dalla Puglia un suo giovane nipote di appena 16 anni, convincendolo a sposare la ragazza. Con il giovane marito il matrimonio non fu mai consumato e Giuditta rimase sempre a disposizione del prete. La situazione precipitò quando il giovane marito di Giuditta, scoprendo di essere stato truffato con un matrimonio farsa, decise di rendere pubblica la tresca di sua moglie con un religioso, facendo scoppiare uno scandalo. Giuditta fiutato il pericolo elaborò un vero e proprio piano criminale. Fece credere al padre di essere stata malmenate e derubata dal marito, poi convolse l’amante prete, convincendolo a partecipare al delitto. Con uno stratagemma, il giovane marito di Giuditta venne attirato in casa della donna e strangolato.

Giuditta decise di sbarazzarsi del cadavere facendolo a pezzi, con l’aiuto di due complici, un barbiere e un chirurgo. Il povero ragazzo venne cosi maciullato e i suoi resti infilati in un sacco, per essere dispersi nel bosco, in campagna e a mare. Il piano però fallì. Il barbiere fermato per un controllo dalle guardie reali, mentre si sbarazzava dei resti del povero giovane, venne interrogato, e parlando confessò tutto facendo il nome dei suoi complici. Giuditta provò a scappare, ma la sua fuga terminò a Capodichino. Il Tribunale della Vicaria condannò tutti a morte per impiccagione, tranne lo zio prete, che riuscì a cavarsela con l’ergastolo, per non aver partecipato materialmente all’omicidio del nipote.

Ma Giuditta ebbe una doppia punizione, considerata la mente criminale, dopo l’impiccagione, la sua testa e le mani le vennero amputate e messe in mostra, come una sorta di monito alla popolazione, a una delle finestre della vicaria. Il suo cranio successivamente, utilizzate per studi di fisiognomica criminale venne conservato ed esposto presso il Museo di Anatomia di Napoli. La sua anima nera da allora, non trovò mai pace. La sposa maledetta secondo la tradizione popolare ricompare nel giorno della ricorrenza dell’esecuzione, il 19 aprile, nelle buie stanze di Castel Capuano“.

Ascolta l’intervento di Antonello di Martino qui:

Simonetta de Chiara Ruffo

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi