Danni al Covid Hospital per far ricoverare il genero del boss: 2 arresti

Scritto da il 6 giugno 2020

Danneggiarono il pronto soccorso dell’ospedale Covid-19 di Boscotrecase (Napoli) minacciando il personale sanitario perché fosse data la priorità alle cure di un familiare, Giuseppe Carpentieri, 50enne esponente di spicco del clan camorristico dei Gionta e genero del boss Valentino Gionta, che era stato ferito con colpi d’arma da fuoco in un agguato di camorra. Con queste accuse, suffragate dalle immagini riprese dalla videosorveglianza, i carabinieri della compagnia di Torre Annunziata (Napoli) hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata nei confronti di Giovanni Ippolito, 41 anni, e Nunzio Acunzo, 39. I fatti risalgono allo scorso 6 maggio.

L’episodio comportò una limitazione delle capacità operative del presidio deputato alla gestione dei casi Covid.

I due indagati sono stati sottoposti al regime di arresti domiciliari nelle loro abitazioni.

Laura De Gisi

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi