Gravina: “Ottimo momento per l’Italia in Europa. Abbiamo prospettive rosee, dobbiamo investire sui giovani”

Scritto da il 24 ottobre 2019

La redazione di Radio Punto Nuovo ha intervistato il presidente della FIGC Gabriele Gravina in occasione dei 60 anni della LND, celebrati a NapoliItaliane in Europa? E’ un buon momento, una fase di grande concentrazione ed entusiamo a dimostrazione del fatto che il calcio italiano gode di ottima salute sia sotto il profilo delle idee, della progettualità e non possono né devono mancare i risultati sportivi.

Nazionale? Ho avuto responsi molto positivi, è riuscita a far riscoprire l’orgoglio di appartenenza alla maglia azzurra che ha dato davvero lustro al nostro Paese. Basti pensare a tutto ciò che abbiamo già ottenuto dalla Nazionale Under 21, Under 20, quella femminile, è un momento davvero positivo. Siamo concentrati in una fase di preparazione, al di là del completamento dei gironi di qualificazione che ci vedono già qualificati e proiettarci verso il 12 Giugno a Roma, data fondamentale per alzare l’asticella della qualità e competizione in Europa che manca da tantissimi anni.

Riforme? Abbiamo prospettive rosee, la progettualità è costante, con progressi costanti e positivi. Dobbiamo incidere su due aspetti fondamentali: settori giovanili e infrastrutture e la sostenibilità. La sostenibilità di sistema ha la riforma di campionati su cui dobbiamo lavorare tutti insieme per far sì che tutto il calcio italiano possa migliorare.

De Laurentiis ha ragione? Credo che il passo in avanti debba farlo tutto il calcio italiano. Lo sviluppo molecolare non fa bene al calcio, dobbiamo ancora cresere. Riconosco alla Serie A una leadership importante, ma non si coniuga solo attraverso semplici declinazione, bisogna dimostrarla sul campo. Lo si può fare se la nostra Lega rientrerà nelle condizioni di mettere insieme tutte le energie del calcio italiano. Non dobbiamo dimenticare ciò che succede all’estero, mi fa piacere quando si menziona la Premier, ma bisogna andare a vedere come funziona. Sono un grande sostenitore, ma bisogna stare attenti perché rischia di creare spaccature e poca stabilità al mondo del calcio, un grave errore.

Diritti televisivi? Pesano perché abbiamo un gap da colmare rispetto ad altre realtà, siamo molto indietro. Guardiamo la Premier League, ma nella sua complessità. In Inghilterra l’ultima in classifica prende quanto la Juventus che è prima, forse dobbiamo impegnarci un po’ tutti”.

Valeria Cardillo
Follow me on

Continua a leggere

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi