Il buio del web che spaventa i genitori

Scritto da il 2 ottobre 2020

Le mamme ed i papà adesso hanno paura della dark zone appunto,dove sono banditi gli adulti.

Una tragedia a Napoli che nessuno vorrebbe raccontare: un bambino di 11 anni si lancia dal balcone dopo aver seguito le indicazioni di un gioco suicida.

Seguendo, pare, Jonathan Galindo.

Jonathan Galindo non esiste, ovviamente .

Ma c’è. Adesca i bambini in vari modi : chiedendo loro l’amicizia sui social e poi li spinge a partecipare d un gioco losco difficile da abbandonare

Difficile da individuare  questo personaggio in rete, migliaia però i profili a suo nome  che inviano richieste su Facebook, Instagram o TikTok chiedendo agli utenti più piccoli di poter giocare insieme.

Paura , sensi di colpa, disorientamento. Il cuore di tutti i genitori in questo momento è pervaso solo da questi sentimenti.

Chiediamo ad Alfredo Toriello Psicologo, Psicoterapeuta  e papà di aiutarci a chiarire alcuni punti.

Partiamo dal presupposto che bisogna portare rispetto per una vicenda così dolorosa, perchè dietro una storia ci sono mille fattori e la tragedia che la famiglia di questo bambino sta vivendo merita riguardo da parte di tutti noi.

 

Non bisogna giudicare , ma fermarsi ed ascoltare se stessi ed i propri figli.

Bisogna riflettere su fatto che tutti noi in questo momento , forse più che nel lockdown stesso, siamo pervasi da una profonda angoscia dovuta alle grandi incognite del Covid-19 .

Siamo adesso in un limbo in cui possiamo fare tante cose , ma non possiamo fare progetti e stiamo perdendo la speranza di porterne fare altri.

E l’adolescenza è il momento di maggior fragilità, ed in un momento storico come questo, le angosce dei ragazzini quasi non trovano riparo.

Ascolta l’intervento per intero.

Elisa D'Avino

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi