LA SCUOLA NEGATA E LA DISPERSIONE SCOLASTICA IN EPOCA COVID

Scritto da il 10 febbraio 2021

LA SCUOLA  NEGATA E  LA DISPERSIONE SCOLASTICA IN EPOCA COVID

La scuola  negata e  la dispersione scolastica in epoca Covid:  si contano i danni provocati  dall’impossibilità, per molte famiglie, di far seguire le lezioni in Didattica a Distanza ai propri figli.

Dai problemi di connessione  all’impossibilità di dotare i ragazzi di più dispositivi, considerando le famiglie numerose, il risultato  è che nei mesi di DAD la dispersione scolastica ha raggiunto livelli allarmanti. Già prima del Covid nella sola Campania si parlava del 20%; il Prof. Ciro Raia, intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo ha fatto una ulteriore fotografia della situazione disastrosa. Per esempio ad Avellino prima del Covid si parlava dell’8%, a Benevento dell’ 11,5%, a Caserta del 18%, a Napoli del 22% e a Salerno del 15%.

Inoltre il Prof. Raia ha  parlato di una vera e propria dissipazione scolastica: infatti negli  ultimi 20 anni  3 milioni e mezzo di ragazzi  hanno abbandonato la scuola, e per questa sconfitta lo Stato ha speso inutilmente 55  miliardi di euro.

Infine, il Prof. Raia ha anche detto cosa, a suo parere, si dovrebbe fare per rimettere in sesto la scuola, dopo anni e anni di tagli alle risorse. 

Ascolta l’intervista per intero qui:

 

 


Simonetta de Chiara Ruffo

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi