Melito, insegnante aggredito e ucciso

Scritto da il 28 settembre 2022

Ucciso a coltellate, forse durante un’aggressione. Sarebbe morto così Marcello Toscano, 64 anni, il cui corpo è stato trovato ieri sera verso le 22.30 a Melito di Napoli, all’interno del perimetro della scuola media Marino Guarano. L’uomo era l’insegnante di sostegno in quella scuola e le sue ricerche erano partite quando i familiari hanno lanciato l’allarme visto che non ne avevano più notizie. In particolare, il figlio si è presentato nella caserma dei carabinieri di Mugnano alle 19.25; i militari hanno raccolto la denuncia di scomparsa, avviando immediatamente le ricerche. Intorno alle 21-21.30 la figlia dell’uomo ha individuato la macchina del padre nei pressi della scuola e ha chiamato in caserma, sempre a Mugnano. I militari della stazione locale sono quindi arrivati sul posto, hanno fatto aprire i cancelli dai custodi e sono entrati da soli nel perimetro dell’istituto. Hanno ispezionato tutti i locali, interni ed esterni e trovato il corpo in un’aiuola. Per ricostruire i fatti e individuare gli autori dell’omicidio i carabinieri hanno già acquisito diverse immagini dalle telecamere presenti in zona. L’istituto scolastico è lo stesso dove nello scorso mese di maggio un ragazzino di 13 anni venne ferito alla schiena con un’arma da taglio mentre era in aula da un compagno di classe, e lo stesso dove due mesi prima venne aggredita, nel bagno della scuola, una bambina di 11 anni da parte di una coetanea. Anche nel caso dell’omicidio di Marcello Toscano – sposato, due figli, in passato consigliere comunale a Mugnano in più occasioni – potrebbe essersi trattato di un’aggressione, i cui motivi sono però al momento sconosciuti.


Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi