Mogol realizza un sogno e avverte: ” Difendiamo la musica, ha un potere evolutivo”

Scritto da il 2 maggio 2020

Il maestro Mogol ha realizzato il sogno di un artista romano, Gianmarco Gridelli , durante la quarantena riscrivendo un suo brano del 1988

Una bellissima “favola” che accade nel periodo di quarantena. Protagonista , Gianmarco Gridelli, un giovane artista di 16 anni che a marzo 2020, durante la quarantena , scopre ed interpreta la canzone “Gesù Cristo”, un brano del 1988 scritto da Mogol, Lavezzi e Alessandro Bono (quest’ultimo talento morto giovanissimo, anche lui vittima di un virus maledetto)

Gianmarco decide di esibirsi in diretta social e la sua performance diventa virale superando in pochi giorni 450 mila visualizzazioni. La sua canzone arriva casualmente al Maestro Mogol, che emozionandosi per l’interpretazione di un testo così forte da parte di un ragazzo di soli 16 anni, si complimenta con Gianmarco . Gli fa una bellissima telefonata inaspettata e decide nei giorni successivi, di riscrivere il testo del brano, per attualizzarlo e farlo interpretare al giovane artista romano, dichiarando di volerlo seguire nel suo percorso di crescita artistica invitandolo al CET.. In primis è molto felice che la sua invocazione di Gesù Cristo, il suo messaggio di speranza e fiducia basato sulla fede cattolica, siano diventati virali e stiano raggiungendo giovani ed adulti in tutto il mondo.

Il maestro Mogol stamattina ne ha parlato ai nostri microfoni con Gianmarco Gridelli  e ha lanciato anche un messaggio importante sul ruolo della musica in un momento così mondiale così delicato: ” La musica ha un ruolo evolutivo, difendiamola e difendiamo anche i diritti della musica”

Riascolta l’intervista a Mogol e Gianmarco Gridelli su Radio Punto Nuovo

Bruno Gaipa

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi