Moretti: “Ecco come trasformai i fischi in applausi…”

Scritto da il 8 novembre 2019

“Non è in una posizione di vantaggio. Incontra il Potenza che, a mio avviso, è una squadra candidata a giocarsela fino in fondo per la vittoria del campionato. Un avversario scomodo ma bisogna guardare avanti, disputare una gara importante e portare a casa punti che vista la situazione potrebbero essere fondamentali”.

A parlare è l’ex biancoverde Vincenzo Moretti, intervenuto nel corso dell’appuntamento quotidiano con Il Pomeriggio da Supereroi su Radio Punto Nuovo.

Quindi un commento sul gruppo: “E’ difficile individuare in un giocatore colui che può caricarsi la squadra sulle spalle. Io ero uno di quelli ma ero supportato da compagni come Ametrano, Puleo, Cecere, Riccio, Biancolino. Avevo una corazzata che mi dava la spinta per buttarmi avanti. Insomma i giocatori devono capire che giocare ad Avellino non è da tutti, è una piazza esigente e chi indossa la maglia deve prendersi le cose positive ma anche quelle negative”.

“Alfageme? Non condivido il fatto che non abbia festeggiato il gol. Per chi fa questo mestiere gioiere per aver fatto un gol è la cosa più bella”.

 

Di seguito l’intervento integrale:

Laura De Gisi

Giornalista professionista dal 2013, innamorata dello sport (da guardare e praticare), al di là della mia fede calcistica biancoverde. Abituata a soffrire quindi, ma anche a rialzarmi dopo una sconfitta e soprattutto a saper assaporare al meglio le vittorie. Nasco timida ma sono sfacciata per necessità.
____________________________________
laura@radiopuntonuovo.it
Laura De Gisi

Continua a leggere

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi