Per un punto Martin perse la cappa

Scritto da il 31 luglio 2019

E’ un’espressione proverbiale che vuol significare che, a volte, anche piccoli errori, causati da una disattenzione, possono avere conseguenze molto gravi, provocando il fallimento di un progetto tanto meditato e desiderato.

L’origine di questa frase risale al medioevo e deriva da un aneddoto che narra la disavventura capitata a Martino, abate dell’abbazia di Asello, che decise di apporre sul portale principale del suo monastero un cartello di benvenuto che recitasse: “Porta patens esto. Nulli claudatur honesto“, ovvero “La porta sia aperta. A nessuna persona onesta sia chiusa“.

L’incisore (o, in altre versioni, forse lo stesso abate), sbagliò la punteggiatura e mise il punto dopo la parola nulli anziché dopo esto. Il messaggio divenne così: “Porta patens esto nulli. Claudatur honesto” ossia “La porta non sia aperta a nessuno. Sia chiusa alle persone oneste“. Per l’errore commesso, Martino venne sollevato dalla carica di abate, perdendo così la cappa, cioè il mantello, che di tale dignità era simbolo.

Bruno Gaipa

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi