Rifiuti, Bonavitacola: “Campania entro due anni sarà autonoma”

Scritto da il 29 giugno 2021

Entro il 2023 la Campania sarà in grado di poter chiudere il ciclo dei rifiuti. Lo ha detto l’assessore all’Ambiente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, intervenendo in Consiglio regionale.

Tra due anni, a sentire l’assessore, la regione sarà completamente autonoma nella gestione dei rifiuti, senza dover ricorrere sia all’esportazione della spazzatura fuori dai confini regionali e senza nessun altro termavalorizzatore, oltre a quello di Acerra (Napoli). Al momento è stata realizzata una linea di trattamento delle ecoballe nello Stir (tritovagliatore) della cittadina napoletana, mentre è in realizzazione un apposito impianto nell’area di un’ex centrale elettrica a Giugliano, sempre nel Napoletano.

Sui risultati raggiunti e non noti, ha detto Bonovaitcola “è un po’ colpa nostra perché non li comunichiamo e un po’ perché le buone notizie non fanno notizia”.
L’assessore all’Ambiente ha preso la parola per replicare alle critiche mosse in aula dall’ex presidente della Giunta regionale della Campania, Stefano Caldoro, sulla gestione del ciclo dei rifiuti e della depurazione delle acque. “Se volete risolvere che la colpa è sempre di chi stava prima fatelo ma si deve dire la verità”, aveva detto Caldoro.

Laura De Gisi

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi