Sai raccontarle le storie?

Scritto da il 2 giugno 2021

Sai raccontarle le storie? E’ il tema dell’appuntamento di questa settimana. La narrazione e le storie incidono nella nostra formazione e nel racconto della nostra infanzia. La pedagogista Luciana Mazzone ci ha accompagnato mano nella mano in questo sentiero.

L’area d’opera è la Molinara di Paisiello
La Molinara è una commedia per musica in tre atti del compositore Giovanni Paisiello su libretto di Giuseppe Palomba.
Ebbe il suo primo allestimento come L’amor contrastato al Teatro dei Fiorentini di Napoli nell’autunno del 1788. Il successo dell’opera fu subito felicissimo e, come avviene tutt’oggi, sia in Italia che nei paesi d’oltralpe fu rappresentata soprattutto sotto un titolo alternativo: La molinara.Tra le opere più note di Paisiello, narra le vicende amorose di una bella molinara. Ancora più popolare è l’aria Nel cor più non mi sento presente nel 3° atto, che fu ripresa successivamente nel XIX secolo da altri compositori, come Ludwig van Beethoven (6 variazioni), che ebbe occasione di ascoltarla il 1795 al Burgtheater di Vienna, e Niccolò Paganini (capriccio in sol maggiore)

Ascolta da qui


La lettura scelta Oh quante cose vedrai! Edito da Mondadori
Un viaggio in rima tra i paesaggi colorati della vita per incoraggiare i bambini ad avventurarsi nel mondo a testa alta, affrontare le insidie con sicurezza e imparare a spostare le montagne per raggiungere il proprio sogno! Hai cervello nella testa. Hai piedi nelle scarpe. Puoi andare dove vuoi, da qualunque parte. Sei solo. Sai quello che sai. Sei TU che decidi dove andrai.

Ascolta da qui

L’ospite della puntata è Raffaella Lavagna
Laureata nel 2005 in Conservazione dei Beni culturali in età contemporanea, lavora in vari musei contemporanei di Napoli dapprima come curatrice di eventi presso il PAN | Palazzo delle Arti Napoli, per poi lasciarsi affascinare del mondo dell’infanzia. Inizia un percorso di didattica sociale presso il museo Madre dove lavora con migliaia di bambini e ragazzini dei quartieri più disagiati di Napoli, con una didattica incentrata tutta sul fare, sullo scambio esperienziale, sul rapporto umano, sul racconto. Presso il Museo Madre le relazioni tra arte contemporanea e mondo dell’infanzia diventa un momento fondamentale di crescita sia della didattica del Museo che del quartiere.
Per la prima volta i bambini entrano in un museo diventando essi stessi protagonisti. Negli anni successivi lavora presso varie scuole realizzando laboratori che attingono all’arte contemporanea; lavora presso città della Scienza all’estate dei piccoli. Con varie associazioni di natura sociale presenti sul territorio cittadino inizia un percorso che mira al recupero di ragazzi in età adolescenziale che lasciano la scuola, inoltre come atelierista con i bambini delle scuole dell’infanzia comunale. Collabora con l’Acquedotto Augusteo del Serino occupandosi dell’aria didattica del sito e con l’Associazione Storie a Manovella per le passeggiate narrative e i laboratori presso varie scuole di Napoli e provincia.
I laboratori proposti partono sempre dalla lettura di un albo illustrato, dato che da sempre il racconto di storie ha lo scopo di “educare” a comportamenti, ad affrontare temi, paure, necessità di un essere umano e per i bambini vale ancora di più essendo essi in continue fasi evolutive. Il libro svolge la funzione di gioco metaforico attraverso il quale è possibile far emergere il proprio vissuto senza dichiarare esplicitamente la propria personale esperienza di vita. La metafora della favola è vissuta come luogo strumentale di comunicazione, di co-divisione, luogo di apertura, nel quale ognuno di noi esiste e apprende dalla sua angolatura personale ed esperienziale. L’attività laboratoriale correlata alla lettura è una fase ri-creativa, una trasmissione attraverso il fare di ciò che si è appreso, di ciò che la lettura è in grado di suscitare emozionalmente e di far tirare fuori con le varie tecniche artistiche che sono messe in gioco nei diversi laboratori.
Ascolta da qui

 

 

Bruno Gaipa

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi