Un presepe a grandezza naturale. Il borgo di Atrani

Scritto da il 13 dicembre 2019

Nell’appuntamento settimanale con la “Campania da scoprire”ogni venerdì alle 18.45 abbiamo parlato del borgo di Atrani.

Una passeggiata da Scala ad Atrani, tra bellezze architettoniche e paesaggistiche, luci di Natale e specialità culinarie con la con la Guida Turistica, Escursionistica e Ambientale Giuseppe Langella.

Ecco cosa ci ha raccontato la nostra guida!

Atrani, più volte adoperato come set cinematografico per film e spot pubblicitari, a Natale si “tinge” di mille colori e con le sue luminarie si trasforma in un presepe a grandezza naturale!

Atrani è un comune di circa 850 abitanti, fa parte del club dei borghi più belli del nostro Paese ed è il più piccolo comune d’Italia per superficie.

Pronti a partire?

Se abbiamo voglia di fare una passeggiata possiamo partire nel primo pomeriggio da Scala (che è invece il più antico comune della Costiera). Possiamo parcheggiare nei pressi del Duomo dedicato a San Lorenzo e da lì incamminarci lungo la rotabile fino a raggiungere la frazione di Minuta dove si trova la bellissima Chiesa dell’Annunziata (XI secolo). A pochi metri una scala in discesa ci porta ai resti della Basilica di Sant’Eustachio risalente invece al XII secolo ed un tempo la chiesa più grande di tutto il Ducato di Amalfi.

Continuiamo quindi la nostra discesa, superando aree naturali occupate da macchia mediterranea e bosco misto, muri a secco e vecchi cancelli a tutela di limoneti e vigneti, fino a giungere al corso del fiume Dragone, così chiamato perché secondo la leggenda vi si nascondeva un terribile drago.
Costeggiando il bordo orientale della valle, lungo via Fiume, entriamo nel territorio di Atrani per raggiungere, attraversando strettoie e cortili saraceni, il centro di questo borgo incantato.

Le luci colorate tra le arcate, vicoli e slarghi e le installazioni luminose rendono ancor più magico un borgo già di suo fiabesco. La piazzetta del paese è particolarmente affascinante, la chiesa di San Salvatore de’ Birecto appare adornata di luci blu mentre un fascio di luci ricopre la scala d’accesso alla chiesa proprio come un tappeto rosso. E poi ancora in piazza le luci colorate dei lampioni e le cascate di luci che si affacciano dai balconi delle abitazioni che circondano il centro del paese. Al centro della piazza un albero di Natale dai colori sfavillanti e la casella per le letterine a Babbo Natale.

Per i golosi imperdibile il “pasticciotto atranese”, un pasticciotto di pasta frolla, dalla forma ovale e dal ripieno gustoso di crema pasticciera e amarene.

Ascolta la guida e i consigli di Giuseppe Langella

 

Katia Manna
Latest posts by Katia Manna (see all)

Diretta

Radio Punto Nuovo

Current track
TITLE
ARTIST

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi